Seguici su

Cronaca

Salvini: i casi Open Arms e Gregoretti. Le tappe

Pubblicato

in

Salvini open arms
Salvini: i casi Open Arms e Gregoretti. Le tappe.

Sono due le inchieste su ritardi negli sbarchi di migranti con imputato l’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini approdate davanti a un Gup in Sicilia: quella sulla Open Arms, aperta dalla Procura di Agrigento e poi trasmessa per competenza a Palermo, con il rinvio a giudizio del leader della Lega.

E poi e quella sulla Gregoretti, trasmessa da Siracusa a Catania, la cui decisione del Gup Nunzio Sarpietro e’ prevista per il prossimo 15 maggio.

Nel capoluogo etneo sono stati trattati altri due casi che sono stati pero’ chiusi: lo sbarco di nave Diciotti, con il Senato che non ha concesso l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini; e quello della Sea watch nel quale con l’ex ministro erano indagati anche gli allora premier Giuseppe Conte, il vice premier Luigi Di Maio e il ministro Danilo Toninelli, che fu archiviata dallo stesso Tribunale dei ministri.

Ecco le fasi salienti del caso Open Arms:
  • 20 agosto 2019 – Il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, e l’aggiunto Salvatore Vella dispongono il sequestro preventivo della Open Arms e l’immediato sbarco a Lampedusa dei migranti a bordo da 19 giorni. Erano stati 147 i soccorsi in mare.
  • 29 agosto 2019 – Il gip di Agrigento, Stefano Zammuto, convalida il sequestro, ma dispone la restituzione della nave alla Ong.
  • 15 novembre 2019 – La Procura di Agrigento indaga Matteo Salvini, in qualita’ di ministro dell’Interno, per sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio e trasmette gli atti a Palermo per competenza.
  • 29 novembre 2019– La Procura invia gli atti al Tribunale dei ministri di Palermo.
  • 1 febbraio 2020 – Il Tribunale dei ministri di Palermo chiede al Senato l’autorizzazione a procedere.
  • 26 maggio 2020 – La Giunta per le immunita’ del Senato respinge la richiesta di autorizzazione a procedere.
  • 30 luglio 2020 – Il Senato, con 149 si’ e 141 voti contrari, concede l’autorizzazione a procedere per l’ex ministro e manda a processo Salvini.
  • 8 gennaio 2021 – Prima udienza preliminare davanti al Gup di Palermo, Lorenzo Jannelli.
  • 20 marzo 2021 – La Procura chiede al Gup il rinvio a giudizio di Salvini.
  • 17 aprile 2021 – La difesa di Salvini, con l’avvocato Giulia Bongiorno, chiede il non luogo a procedere per Salvini perche’ il fatto non sussiste o, in subordine, per insindacabilita’ del fatto. Il Gup si ritira in camera di consiglio e rinvia a giudizio Salvini, fissando la prima udienza per il prossimo 15 settembre davanti la seconda sezione penale del Tribunale di Palermo.
Queste invece le fasi della vicenda Gregoretti, ancora pendente a Catania.
  • Agosto 2019 – La Procura di Siracusa, dopo un esposto, apre un’inchiesta sui ritardi nello sbarco ad Augusta di 131 migranti da quattro giorni, dal 27 al 31 luglio del 2019, su nave Gregoretti. Indaga Salvini e trasmette gli atti a Catania.
  • 21 settembre 2019 – La Procura di Catania chiede l’archiviazione dell’inchiesta al Tribunale dei ministri di Catania.
  • 17 dicembre 2019 – Il Tribunale dei ministri chiede al Senato l’autorizzazione a procedere per Salvini ipotizzando i reati di sequestro di persona e abuso d’ufficio.
  • 12 febbraio 2020 – Il Senato, con 152 voti a favore e 76 contrari, concede l’autorizzazione a procedere per Salvini.
  • 3 ottobre 2020 – Prima udienza preliminare davanti al Gup di Catania, Nunzio Sarpietro. La Procura chiede il non luogo a procedere. Il Gup chiama a deporre come testimoni anche l’allora premier Giuseppe Conte (poi sentito a Palazzo Chigi), l’ex vice premier Luigi Di Maio, il ministro Luciana Lamorgese e l’ex ministro Danilo Toninelli e l’ambasciatore Maurizio Massari.
  • 10 marzo 2021La Procura ribadisce in aula il non luogo a procedere. Le parti civili chiedono il rinvio a giudizio e la difesa, con l’avvocato Giulia Bongiorno, il non luogo a procedere. La decisione del Gup e’ prevista per il prossimo 15 maggio.
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint srl Piazza Pitagora 24 - 88900 - Crotone (KR)