Seguici su

Coronavirus

Figliuolo: “Siamo attrezzati per terza dose”. Intanto 4 regioni potrebbero tornare in giallo

Pubblicato

in

centro vaccinazioni 2

“Siamo attrezzati per la terza dose, ma credo che sia più un richiamo. Non si sa ancora della reale necessità, ma noi siamo attrezzati.

Abbiamo aderito attraverso l’Ue per prenderne grossi quantitativi e avere anche una scorta. Per quella fase dovremo uscire dalla logica degli hub: utilizzare al massimo le capacità dei medici di base, pediatri e farmacisti. Si dovrà andare in una logica strutturale. Noi siamo organizzati per poter fare il richiamo a tutta la popolazione”. Lo ha detto il Commissario Emergenza Covid, Francesco Figliuolo a Tg2 Post, precisando: “in questo momento stiamo viaggiando quasi esclusivamente con vaccini mRna”.

“Siamo a 58 milioni di inoculazioni con 24 milioni e 200mila cittadini completamente vaccinati, siamo intorno al 45%:un dato importante ma non basta. Dobbiamo intercettare i cosiddetti indecisi. Insieme alle regioni stiamo mettendo a punto una serie di iniziative: pensiamo alle ‘notti magiche’, a open day e open night, ma ci deve essere anche maggior coinvolgimento dei medici di base, pediatri e farmacisti, affinché rassicurino i rinunciatari. Il raggiungimento di questo numero di incerti è fondamentale per raggiungere l’immunità di gregge”, ha affermato Figliuolo.

Per convincere gli ultimi irriducibili del vaccino, “quella di utilizzare il green pass per vari tipi di eventi, così come in Francia, potrebbe essere una soluzione per una spinta. Poi per chi non l’avrà c’è anche il tampone, bisogna comunque rispettare la Costituzione”. Lo ha detto il Commissario per l’Emergenza Covid commentando la decisione in Francia di utilizzare il green pass anche per ristoranti e trasporti.

“Marche insieme all’Abruzzo, alla Sicilia e alla Campania sono sotto osservazione? Ho fatto fare uno studio: la media nazionale sull’incidenza è di circa 13 su 100mila, noi abbiamo poco sopra i 15 su 100mila”. Così il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli a margine del saluto agli atleti marchigiani in partenza per le Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo.

“Significa – spiega – che abbiamo una media che incide di pochissimi elementi ma con un numero di tamponi importantissimo per i controlli sui focolai…”. Ricordando i dati dei nove positivi in 24ore e delle nove persone attualmente ricoverate nelle Marche, rispetto ai mille di qualche mese fa, Acquaroli ha ribadito la consueta necessità di prudenza e di rispetto delle norme anti-Covid, rimarcando però che i numeri “ci danno la possibilità di vivere, non dico in tranquillità, in pandemia non bisogna stare mai tranquilli, ma sicuramente una situazione sotto controllo.

Chi vuol venire nelle Marche – ha aggiunto – non è esposto a un rischio se non quello che si vive ovunque in questo momento di pandemia”. Alcuni presidenti di Regione premono affinché vi sia una considerazione maggiore dei ricoveri in rapporto ai posti disponibili rispetto al numero dei contagi.

“Questo sicuramente ha un senso – ha risposto il presidente – ma non voglio entrare nella discussione politica per evadere una situazione: resto molto prudente, occorre raccontare le cose per quelle che sono e non dipingere cose che potrebbero essere male interpretate dal grande pubblico. Se si parla di una ‘Regione sotto osservazione’ si può pensare che in quella regione ci sia una situazione di pericolo particolare, i numeri non raccontano questo…”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint srl Piazza Pitagora 24 - 88900 - Crotone (KR)