Seguici su

Sport

Tokyo 2020, primo oro per l’Italia: è Dell’Aquila per il taekwondo

Pubblicato

in

Dell’Aquila Tokyo 2020 oro

Vincere un oro olimpico – il primo per l’Italia di Tokyo 2020 – a 20 anni e nell’era della pandemia è più di un trionfo. Vito Dell’Aquila è il primo azzurro nato nel 2000 a prendersi l’oro olimpico.

Lui ragazzo del sud che a forza di fatica, calci e pugni arriva sul tetto del mondo. E stringe tra i denti la medaglia del colore piu’ prezioso al termine di una giornata di combattimenti dominati, chiusa con una rimonta negli ultimi 20 secondi, nella finale contro il tunisino Jendoubi. Finisce 16-12, dopo esser partito da 0-5, l’ultimo incontro del suo combattimento nella categoria 58 chili del taekwondo, l’arte marziale coreana che gli italiani hanno esportato nel profondo sud, la salentina Mesagne.

Nel paesino di pietra bianca a pochi chilometri da Brindisi, Dell’Aquila e’ nato quando il suo sport esordiva a Sydney 2000. Nello stesso luogo e’ nato anche Carlo Molfetta, oro del taekwondo a Londra e scopritore di Dell’Aquila. “Siamo la Jesi del nostro sport – dice l’olimpionico del 2012, dopo che l’ex fiorettista Vezzali si e’ complimentata con Dell’Aquila – Cosa abbiamo in piu’? Abbiamo piu’ fame di vittorie”.

Lo ha dimostrato sul tappeto di Tokyo oggi Dell’Aquila. Un percorso netto senza esitazioni, battendo agli ottavi l’ungherese Salim 26 a 13, ai quarti il thailandese Sawehkwiharee 37-17 e in semifinale l’argentino Guzman 29 a 10.

Poi in finale ha battuto il tunisino Jendoubi per 16-12 con una rimonta concretizzatasi negli ultimi secondi di gara. “Questo oro è il simbolo di un’Italia che riparte dopo esser caduta: noi del taekwondo dopo Londra a Rio avevamo avuto un passaggio a vuoto, ma abbiamo cercato il talento, l’abbiamo coltivato.

E poi Vito ha fatto ilr resto – dice il presidente Fita, Angelo Cito – Aver dato il primo oro all’Italia Team in questi Giochi ci fa sentire ancor piu’ italiani”. “Ero certo dell’oro – le prime parole di Dell’Aquila prima di salire sul podio – E volevo dedicarla a mio nonno, morto un mese fa: so che mi guardava da lassù”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint srl Piazza Pitagora 24 - 88900 - Crotone (KR)